La chiesa di San Lorenzo a Bibbiena è uno degli edifici del paese storicamente ed artisticamente più importanti.
Eretta su un precedente oratorio, la chiesa fu completamente ricostruita in stile rinascimentale a partire dal 1474. Durante questi lavori venne ingrandita e fu avviata la costruzione del Convento per ospitare i Frati Minori Francescani.
La notorietà di questa chiesa è legata alle due importantissime terrecotte invetriate conservate al suo interno: si tratta di due opere della bottega di Andrea Della Robbia, che raffigurano una Deposizione ed una Natività.
Purtroppo il complesso ha risentito dei danni provocati dal tempo e la mancanza di fondi per manutenzione e restauri ha portato alla frequente chiusura della chiesa, nonché all’inagibilità del suo splendido chiostro.
Per San Lorenzo sembra però che si intraveda un lieto fine: infatti recentemente, come comunica l’attuale amministrazione, si sta programmando un’attività di recupero dell’intero complesso, in modo da rivitalizzare anche il centro storico del paese.
Cuore del progetto è la realizzazione di uno spazio per attività culturali al piano terra, fruibile a tutti. L’idea è anche quella di attivare delle collaborazioni con Università straniere per attivare a Bibbiena corsi di tipo umanistico, riallacciandosi al grande patrimonio culturale del territorio, oppure naturalistico, grazie alla presenza del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.
Ci auguriamo che presto non solo i bibbienesi ed il resto dei casentinesi possano tornare a riscoprire la bellezza di questo luogo, ma che questo possa essere un piccolo nuovo motore culturale per la nostra amata valle.